La Basilica di San Nicola a Bari

Leggi l'articolo

una chiesa importante per la sua storia e la sua tradizione

La Basilica Pontificia di San Nicola è una chiesa a Bari, che ha un ampio significato religioso in tutta Europa e nel mondo cristiano. La basilica è un'importante destinazione di pellegrinaggio sia per i cattolici romani che per i cristiani ortodossi dell'Europa orientale.

La basilica fu costruita tra il 1087 e il 1197, durante la dominazione italo-normanna della Puglia, l'area precedentemente occupata dal Catapan bizantino di cui Bari era la sede. La sua fondazione è legata al recupero di alcune reliquie di San Nicola dal santuario originale del santo a Myra, nell'attuale Turchia. Quando Myra passò nelle mani dei Saraceni, alcuni la videro come un'opportunità per spostare le reliquie del santo in un luogo più sicuro. Secondo la leggenda, il santo, passando per la città in viaggio verso Roma, aveva scelto Bari come luogo di sepoltura. C'era una grande competizione per le reliquie tra Venezia e Bari. Questi ultimi vinsero, le reliquie furono portate via sotto il naso dei legittimi custodi greci e dei loro padroni musulmani, e il 9 maggio 1087 vennero sbarcate sane e salve a Bari. Fu costruita una nuova chiesa per mettere al riparo i resti di Nicola e Papa Urbano II fu presente alla consacrazione della cripta nel 1089. L'edificio fu ufficialmente consacrato nel 1197, alla presenza del Vicario Imperiale, Mons. Corrado di Hildesheim, e di numerosi vescovi , prelati e nobili. Elias, abate del vicino monastero di San Benedetto, fu nominato primo arcivescovo. La sua cattedra (il trono del vescovo) si trova ancora oggi nella chiesa.

La chiesa ha un aspetto piuttosto quadrato, apparentemente più adatto ad un castello che ad una chiesa. Questa impressione è rafforzata dalla presenza di due torri basse e massicce che incorniciano la facciata. Fu infatti usato più volte come castello durante la sua storia.

L'interno è a tre navate, divise da colonne di granito e pilastri. Il presbiterio è separato dal resto dell'edificio per mezzo di tre archi sostenuti da colonne di influenza bizantina. Sopra le navate laterali si trova il matronaeum, una galleria tribuna per donne, che si apre nella navata. La basilica fu la prima chiesa di questo progetto, stabilendo un precedente che fu in seguito imitato in numerose altre costruzioni nella regione.

La basilica ospita una delle più notevoli opere scultoree romaniche dell'Italia meridionale, una cattedra (trono vescovile) terminata alla fine dell'XI secolo per Elia. Ci sono preziosi pavimenti a mosaico nella cripta e nel presbiterio. Il ciborio, il più antico della regione, è anche decorato con mosaico; ha quattro colonne con fogliame, animali e figure mitologiche. La cripta, con 26 colonne con capitelli sportivi in stile bizantino e romanico, ospita le reliquie di San Nicola.

Nella chiesa è presente la tomba rinascimentale di Bona Sforza, (XVI secolo), in marmo. Il museo della Basilica custodisce preziose opere d'arte, tra cui una collezione di candelabri del XII secolo donati dal re Carlo I d'Angiò.

La chiesa fu restaurata alla fine del XIII secolo, nel 1456 e nel XVII secolo. Nel restauro novecentesco, la maggior parte delle aggiunte barocche furono rimosse, lasciando solo il soffitto in legno dorato, le tele incorniciate di Carlo De Rosa.

Il 6 dicembre è il giorno di San Nicola, la principale festa di San Nicola. In questo giorno, è tradizione per il clero della basilica di abbassare una fiaschetta nella tomba sotterranea di San Nicola per estrarre un po 'della mirra che si ritiene che trasudi dalle reliquie. I contenitori di questa mirra vengono inviati in tutto il mondo, e i credenti hanno riportato numerosi miracoli a seguito dell'essere unti con essa. Per quelle Chiese ortodosse che seguono il tradizionale calendario giuliano, il 6 dicembre cade il 19 dicembre del Calendario Gregoriano, quindi ci saranno in realtà due celebrazioni dello stesso giorno santo: una secondo il Nuovo Calendario (6 dicembre) e l'altra secondo il Vecchio calendario (19 dicembre). Entrambi sono celebrati con grande solennità a Bari.

Il 9 maggio (22 maggio) si celebra ogni anno nella Chiesa ortodossa russa come la festa della "Traduzione delle reliquie di San Nicola da Myra a Bari".

Ti è piaciuto l'articolo?

Condividilo subito sui tuoi social preferiti!!

Alberobello e i suoi trulli

le sue costruzioni tipiche, la rendono una localitÓ unica

Chiunque parli con gli altri dei suoi piani per visitare la Puglia, si sente dire che una cosa da osservare assolutamente sono i trulli. Queste curiose strutture imbiancate a calice conico,  sono un'icona della regione. In effetti, questa parte pacifica del sud Italia è l'unico posto in cui siano mai esistiti.

Vai all'Articolo

Locorotondo nella Valle d'Itria

una cittadina affascinante e ricca di storia e cultura

Locorotondo è una delle città più belle della Puglia con un centro orgogliosamente conservato, facilmente percorribile e un'atmosfera tranquilla e rilassata.

Le sue pareti luminose bianche e la posizione panoramica richiamano Ostuni, la Città Bianca, ma la sua posizione, nel mezzo della Valle d'Itria, invita a paragoni con il vicino Alberobello, Patrimonio dell'Umanità dell'UNESCO.

Vai all'Articolo

Bari e dintorni

La splendida città di Bari e le zone che la circondano

Vai all'Articolo

Storia di Bari

L'antica storia di Bari, ricca di avvenimenti e di fascino

Vai all'Articolo

Turismo a Bari

I luoghi di maggiore interesse a Bari, da visitare per rimanere affascinati

Vai all'Articolo

Vuoi contattarci?

Per chiarimenti, per ricevere ulteriori informazioni o richieste, o per comparire nelle pagine del nostro sito non esitare a contattarci.

Video

I nostri Portali

SITI.IT

I migliori siti per categoria

PIAZZE.IT

Il Portale dei Comuni Italiani

FOOD.IT

L'eccellenza a tavola

NAVIGARE FACILE .IT

Risorse e Portali Web

barieprovincia.it

Zone splendide, ricche di storia, pronte a stupire tutti coloro che le vorranno visitare

barieprovincia.it

Compila il modulo per contattarci

051 267600

Il tuo messaggio è stato inviato! Vi risponderemo nel più breve tempo possibile
Errore!! messaggio NON inviato
Dichiaro di aver preso visione dell'Informativa Privacy resa ai sensi dell'Art. 13 Regolamento Europeo 2016/679, e di rilasciare il consenso al trattamento dei dati personali, per le finalitÓ ivi indicate finalizzate alla corretta esecuzione delle obbligazioni contrattuali
Dichiaro di essere maggiorenne secondo la normativa vigente nello stato a cui appartiene il fornitore del servizio